Profumi personalizzati Milano

Profumi personalizzati Milano

Essenze uniche e personalizzate, per uomo e donna


Grazie alla competenza, alla capacità tecnica e alla professionalità del titolare e degli operatori che curano ogni fase di trattamento nel laboratorio, Lino Line Laboratorio Cosmesi è in grado di produrre profumi personalizzati per soddisfare le esigenze e i gusti di ogni cliente.
In quest’ottica, il laboratorio di profumi personalizzati Milano si propone come ideale partner e interlocutore sia per clienti privati che per committenti aziendali, quali negozi, boutique e profumerie. 

I profumi sono prodotti molto particolari, perché scelti da ogni cliente in base al proprio stile, alla personalità e al gusto. Si tratta di articoli che per molte persone, specialmente donne, rappresentano un modo di essere, un’espressione di sé, al pari di un abito o di un accessorio. Un profumo è un segno distintivo, una traccia che non svanisce, ma resta impressa nell’aria, sui capi di vestiario, che si lega a un ricordo, a un’emozione o a un’esperienza particolare.
Elemento fondamentale di ancoraggio e di costruzione delle memorie più profonde, l’odore è il più antico dei sensi, quello che di tutti conserva la parte animale e istintiva di ogni individuo. Per tutti questi motivi il profumo non è un cosmetico come gli altri, perché è un complemento di bellezza che “non si vede”, si sente, e anche quando è appena accennato, si percepisce a livello chimico e sensoriale. Le essenze che vengono prodotte dal laboratorio di profumi personalizzati Milano per il mercato del largo consumo, per le catene di grande distribuzione organizzata, nonostante il concetto di produzione seriale, hanno in ogni caso un carattere distintivo perché ogni aroma, per quanto sia identico nella sua marca di riferimento, una volta a contatto con un tipo di pelle, sprigiona poi un odore assolutamente unico. La traccia olfattiva di ogni persona è come un’impronta digitale, varia a seconda del sesso, dell’età e di tanti altri fattori fisiologici. Quindi anche per le colonie più vendute, alla fine l’ingrediente finale, ciò che manca per renderlo davvero unico, è proprio l’odore della persona che lo andrà ad “indossare”. Questo concetto vale a maggior ragione per i profumi personalizzati che l’azienda meneghina realizza totalmente su misura, tenendo conto dell’effetto che dovrà avere una volta a contatto con la pelle, e quale sensazione deve trasmettere anche a chi lo porta. Va poi aggiunto anche il dettaglio dell’originalità e il non poco valore del poter possedere qualcosa che non può essere acquistato da nessun’altra parte. Ciò rende il profumo che si usa una componente esclusiva o magari un regalo sorprendente, da fare ad una persona speciale, per sottolineare quanto sia insostituibile, preziosa e unica nel suo genere. Nella vasta produzione di profumi provenienti dal laboratorio, vengono impiegate materie prime pregiate sapientemente combinate come note, per dare melodie olfattive che schiudono la mente e il cuore a nuove sensazioni. Oltre a cardamomo, sandalo, legno di cedro, mandarino, elemi, zafferano, poudre, rosa, garofano, cannella, fava tonga, balsamo gurjun, balsamo tolù, coriandolo,tabacco, vetyver, cocco, acacia, mandorla e anice, ecco nel dettaglio alcuni dei più caratteristici ingredienti delle formule produttive, accompagnati da una scheda tecnica che descrive le peculiarità di sostanze, piante, fiori, frutti, elementi e olii essenziali:





  • Ciclamino – il suo nome deriva dal greco "kyklos" che vuol dire cerchio, a causa forse della forma tondeggiante delle sue radici. È originario della Grecia e del Medio Oriente, si tratta di una pianta erbacea perenne dall’odore molto intenso. Si può trovare anche in molti paesi del bacino mediterraneo, prevalentemente in luoghi freschi e terreni ricchi di humus. Non si estraggono olii essenziali naturale, ma trova largo uso nella profumeria di lusso. 
  • Lavanda – la sua forma è quella di un arbusto legnoso molto resistente agli sbalzi climatici, è originaria dell’area mediterranea ma oggi si può trovare facilmente in tutto il mondo. Estremamente aromatica, la sua essenza più pregiata viene estratta dalla varietà "Lavandula angustifolia”. La lavanda può miscelarsi bene con ogni tipo di altro profumo, in aromaterapia le vengono associate proprietà lenitive, rigeneranti, antidepressive, calmanti e antitossiche. 
  • Gelsomino – proviene dalla Cina e dall’India settentrionale, è formato da un arbusto sempreverde con fiori bianchi dal forte odore. Si lega molto bene con legno di rosa, geranio, sandalo, tutte le spezie e gli agrumi. In erboristeria viene utilizzato anche con antidolorifico ed euforizzante, afrodisiaco e antidepressivo. 
  • Cipresso – conifera dell’area mediterranea orientale, può superare i quaranta metri d’altezza con la varietà da cui si estrae il miglior olio essenziale che è il "sempervirens". Può essere mescolato efficacemente con altre essenze quali patchouli, cedro, pino, lavanda, sclarea, mandarino, camomilla, benzoino e sandalo. Il suo aroma dona un benefico influsso contro il dolore e migliora l’umore. 
  • Muschio bianco – riproduzione sintetica della secrezione del cervo maschio da una particolare ghiandola odorifera, ha un odore particolarmente forte e penetrante. Gli si attribuiscono proprietà afrodisiache, e capacità di acuire la sicurezza e l’autostima. Non esiste alcun olio essenziale naturale ma solo creazioni in laboratorio di profumeria oltre che in diverse elaborazioni di cosmetica. 
  • Patchouly – tipico dell’Asia tropicale, viene coltivato anche in Cina, Tailandia e Malesia. Il suo aroma, nella varietà di olio essenziale naturale, ha delle note di muffa, con sfumature dolciastre. Si miscela particolarmente bene con agarwood, ambretta, bergamotto, bucco, cannella, cedro, cisto, copaiba, incenso, mirra,oOpoponaco, ravensara, salvia sclarea e vetiver. Ha proprietà antisettiche, antimicotiche e stimolanti. 
  • Vaniglia – proviene dalla costa orientale del Messico, è una varietà dell’orchidea che può raggiungere i 25 metri di altezza con grandi fiori bianchi, la cui lavorazione si pratica prevalentemente in America, Madagascar e Indonesia. Ottimo mix quello con profumo di tonka, rosa, cera d'api, vetiver, sandalo. Essenza molto dolce si presta egualmente bene alla cosmetica e alla profumeria, donando una sensazione di benessere, rilassamento e buon umore. 
  • Limone – proviene dall’India orientale e cresce spontaneo in tutto il bacino del Mediterraneo oltre che essere coltivato praticamente in tutto il mondo. L’essenza si ottiene con la premitura a freddo delle bucce, tonificante, energizzante, per il corpo e il sistema nervoso. Il limone è anche un potente antisettico ed è largamente utilizzato come profumo ma anche nell’industria alimentare. 
  • Mughetto – pianta erbacea presente nelle regioni montane dell’emisfero boreale, il suo trattamento è molto lento e laborioso, si caratterizza per un profumo fresco e floreale, estremamente gradevole e delicato. 
  • Arancio – sia dolce che amaro è originario dell’estremo oriente ma si adatta molto bene alle regioni mediterranee dove è largamente coltivato. Come per il limone e in generale gli agrumi, la sua essenza si ottiene per spremitura delle scorze a freddo, ha proprietà antisettiche, rinfrescanti ed energizzanti e si miscela bene con cannella, chiodo di garofano, lavanda, limone, neroli, noce moscata, salvia sclarea e mirra.
  • Bergamotto – coltivato maggiormente in Calabria e in Costa d’Avorio, la sua origine è in Asia tropicale, il suo nome viene dalla città italiana di Bergamo, dove l’olio essenziale veniva spremuto dalle bucce a freddo, e per la prima volta commercializzato. Si mescola ottimamente con camomilla, cipresso, coriandolo, geranio, ginepro, limone, neroli, olibano ed opoponaco. Ha proprietà antidepressive e calmanti, è dotato di un aroma molto potente ed intenso. 
  • Ambra grigia – si ottiene da una sostanza dall’odore potentissimo che proviene dall’intestino del Capodoglio. È una delle fragranze più pregiate di derivazione animale, e per lungo tempo ha rappresentato una materia prima estremamente preziosa e ricercata. La scarsa reperibilità, rarità, allo stato naturale, libera in oceano, ha portato l’industria cosmetica ad indirizzarsi verso alternative sintetiche o semi-sintetiche. Ancora oggi, questa essenza cattura la fantasia e l’anima di molte donne, rappresentando nell’immaginario femminile il profumo della seduzione per eccellenza. Le sue note olfattive “feromoniche” hanno notevole impatto su chi indossa il profumo, e rilevante pare essere anche l’effetto sul sesso opposto. Per preservare l’ambiente e proteggere le specie animali, oggi l’ambra grigia proviene solo dalle masse di sostanza di risulta dei capodogli, che viene ritrovata a largo negli oceani come materiale di scarto di questi cetacei, senza più la necessità di doverli uccidere.